29 dicembre 2009

Scrivi testi online in collaborazione - PiratePad


Vuoi scrivere del testo in collaborazione con qualcuno che si trova dall'altra parte del mondo, o semplicemente è collegato online ?

- Collegati alla pagina Piratepad.net
- clicca su "Create new pade"
- e se desideri, inizia già a digitare del testo
- clicca sul pulsante "Share this pade"
- copia il link proposto e comunicalo via email al tuo collaboratore.
Oppure
- sfrutta l'opzione "or send an email invitation" (cliccaci sopra)
- e compila il form proposto.

Le parole da te scritte saranno distinguibili, perchè avranno un colore di sfondo diverso da quelle dei tuoi collaboratori.

Il programma ha delle ottime opzioni. Puoi:
- importare un testo già scritto su un file del tuo PC (clicca su Impor/Export > Scegli File)
- esportare tutto il testo scritto in formato HTML, TXT,
- salvare più revisioni (clicca su "Saved Revisions" > Save New)
- vedere una vera e propria registrazione della digitazione eseguita sul testo (Time Slider)



27 dicembre 2009

Microcredito - Fai un prestito e aiutali a crescere

Se vuoi aiutare,
anche con un piccolissimo prestito di 25 dollari (meno di 18 euro),
Rosa Casas, 46 anni, sposata e madre di 4 figli nella sua attività di vendita al dettaglio (vedi qui)

Iscriviti a Kiva.org,
avvia ed esegui il versamento con Paypal o Carta di credito.

Per maggior informazioni in italiano, vedi il Sito degli amici di Kiva in Italia



25 dicembre 2009

24 dicembre 2009

KIva - Microcredito speranza dei più poveri


Kiva è stata fondata nel 2004 dai coniugi Matt e Jessica Flannery.

Durante un viaggio nell’Africa orientale per valutare l’impatto dei microprestiti sulle comunità locali, Matt e Jessica notarono la preoccupante dipendenza delle associazioni di microcredito dalle banche locali, molte delle quali applicavano alti tassi di interesse sui prestiti.

La coppia era certa che il costo proibitivo dell’estinzione del prestito frenasse molti aspiranti imprenditori nel mettere alla prova le proprie potenzialità. Così nacque Kiva, creata per minimizzare il peso degli alti tassi d’interesse, rendendo possibile per gli utilizzatori di internet erogare prestiti personali agli imprenditori delle comunità povere di tutto il mondo.

A seguito di un’attenta ricerca e pianificazione, nell’ottobre del 2005 venne lanciato il sito www.kiva.org. Nel suo primo anno di vita, Kiva divenne uno dei più trafficati siti di microcredito, generando milioni di prestiti per migliaia di imprenditori dei paesi in via di sviluppo.
Il sito Kiva ha incoraggiato le relazioni interculturali ed ha fornito a migliaia di famiglie piccoli prestiti ed una rinnovata speranza per il proprio sostentamento.

Vuoi dare un aiuto anche tu ?
Leggi altre informazioni sul sito degli amici di Kiva in Italia


21 dicembre 2009

Come chattare senza registrazione


Vuoi chattare con qualcuno che non è iscritto ai tuoi stessi servizi ?
(messenger, google talk, skype, facebook, eccetera)
O non è iscritto a nessun servizio di chat e nemmeno pensa di iscriversi?

- Collegati alla pagina http://tinychat.com/
- se desideri, personalizza il nome digitando un titolo sulla casellona bianca
- clicca sul pulsantone verde "Create Your room"


- copia il link della chat dalla barra indirizzi
- e comunicalo alla persona con cui vuoi chattare

Se hai scelto di dare un tuonome alla chat, il link sarà del tipo:
http://tinychat.com/tuonome

Ora, per entrare nella chat,
- digita il tuo nome sulla casella bianca
- clicca su "Login"


- clicca su OK
- attendi l'entrata dell'amico/a
o semplice conoscente :-)

Per chattare
- digita il primo messaggio sulla barra posta in fondo
- e premi [INVIO]


Se hai un microfono e una videocamera, potrai inoltre avviare una conferenza audio:
- clicca sul pulsante "Start Broadcasting"

- clicca su "Consenti"

- clicca sul riquadro video o solo audio
- clicca su "Next"
- clicca su "Yes"


Le stesse operazioni, dovrà farle ovviamente chi vorrà comunicare con te.

26 novembre 2009

Google wave - Inviti gratuiti e ... primi passi !

Google wave è un innovatissimo social network in stile facebook, twitter o friendfeed.
Puoi registrarti solo dopo aver ricevuto un invito da chi l'ha già.
Inserisci un commento a questo post se vuoi che ti venga inviato.
Alle prime dieci richieste/commenti invierò un invito a google wave.

Dopo aver ricevuto l'invito "wave" ,
- clicca sul link indicato in email per l'accettazione
Verrai indirizzato al sito wave.google.com
- loggati con il tuo account google/gmail (o altrimenti creati un nuovo account).

Inizialmente, l'intefaccia google wave, presenta quattro riquadri:
- navigazione (a sinistra)
- contatti (a sinistra)
- elenco wave ( al centro)
- wave attivo (a destra)

Per leggere i messaggi/discussioni (wave) elencati,
- clicca nel riquadro centrale sul wave che vuoi leggere
Sul riquadro destro verrà aperta la discussione,
o meglio verrà aperto il wave (onda); così viene chiamato il "plurimessaggio" (o discussione).

Detto Wave (onda), appunto, perchè è come un'onda che si propaga con tantissimi altri messaggi !

Per rispondere al messaggio,
- porta il puntatore sul bordo inferiore (appare un doppio bordo con una freccia)
- e cliccaci sopra
- scrivi il messaggio e clicca su "done"

Se desideri eliminarlo, clicca su "delete".

Per invitare a leggere e scrivere sul wave,
- clicca sul pulsante "più"(+) posto in alto
Verrà aperto l'elenco dei tuoi amici/contatti di gmail, iscritti a google wave !
- e clicca sul suo nome o avatar.

24 novembre 2009

Archiviare foto con Microsoft Live Labs Pivot

Il nuovissimo servizio Microsoft Live Labs Pivot sembra una "risposta" al noto programma Picasa di Google e a Google image swirl.
Attualmente è disponibile solo su invito da richiedere cliccando qui
In seguito si potrà scaricare il relativo programma accedendo alla pagina dedicata:
getpivot.com

In questa presentazione video si nota chiaramente come il programma faccia uso di un'interfaccia molto intuitiva e pratica.



18 novembre 2009

Un modo veloce per cercare immagini - Google image swirl

Google ha da poco lanciato un nuovo servizio per la ricerca di immagini:
Google image swirl .

È ancora in fase di laboratorio, ma si può già assaporare la praticità della ricerca.
- Collegati al link http://image-swirl.googlelabs.com/
- digita una parola chiave sulla casella
Mentre digiti, appare un elenco a discesa dove ti vengono proposte alcune tra le parole più cercate
- clicca su una voce dell'elenco a discesa
oppure
- continua a digitare la parola chiave desiderata e premi INVIO da tastiera.

Verranno visualizzate alcune immagini.
- Porta il puntatore sopra un'immagine e
- clicca sull'icona blu in basso a destra della stessa immagine per raggiungere il sito e la relativa immagine a massima risoluzione
oppure
- clicca al centro dell'immagine per aprire ulteriori immagini simili
e così via.

Per tornare indietro,
- clicca su un punto vuoto, all'interno del cerchio delle ricerche precedenti.

14 novembre 2009

Come conoscere le caratteristiche Hardware del proprio computer

Vuoi conoscere le caratteristiche hardware del tuo PC ?
- Collegati a speccy
- scarica il programma portable, cliccando su "spsetup100.zip"
- decomprimi ed avvia il programma cliccando su Speccy.exe
Verranno visualizzate le informazioni relative all'Hardware del tuo computer.
- Clicca sulle sui singoli componenti per ottenere informazioni più dettagliate.

Se necessario potrai salvare le informazioni,
- dal menu "File", cliccando su "Save Snapshot..."
e spedirle.

Chi le riceve, potrà vederle con lo stesso programma:
- dal menu "File", cliccando su "Load Snapshot..."
- e aprendo il file ricevuto.

L'ultima frontiera prima del crollo !?

La non corretta informazione sull'influenza suina e del relativo vaccino è il "muro di Berlino" che i vecchi mass media hanno erto tra chi fa informazione e chi la "subisce". L'ultima frontiera prima del crollo !?



02 novembre 2009

Influenza suina o bufala mediatica ?

Un banale virus si è trasformato nella pandemia del XXI secolo, grazie alle campagne di marketing delle case farmaceutiche. Inventare malattie è possibile, oltreché vantaggioso.





Cari genitori,

ogni giorno parliamo della nuova influenza, e mi chiedete se sia utile e sicuro vaccinare i bambini.

La mia risposta è «no». Un «no» motivato e ponderato, frutto delle analisi delle conoscenze fornite dalla letteratura medica internazionale.

Un «no» controcorrente perché molti organismi pubblici, alcune società scientifiche e i mezzi di comunicazione trasmettono messaggi differenti: avranno le loro ragioni.

Influenza stagionale e influenza A/H1N1: alcuni dati a confronto.

L’epidemia, iniziata in Messico nel 2009, è di modesta gravità: il virus A/H1N1 si è dimostrato meno aggressivo della comune influenza stagionale. Si manifesta

come qualsiasi forma influenzale: febbre, mal di testa, dolori muscolari, nausea, diarrea, tosse. Non sarà l’unica patologia che colpirà i bambini in questo inverno,

e non sarà facile distinguerla dai circa 500 (tra tipi e sottotipi) virus capaci di infettare i bambini. I test rapidi per identifi care il virus dell’influenza A hanno poca sensibilità (dal 10 al 60 per cento). Il test quindi non garantisce con certezza se si tratti di influenza A/H1N1.

Sembra però essere un virus molto contagioso, ed è stato dichiarato lo stato di pandemia. La sola parola «pandemia» fa paura. Ma questa definizione è stata appositamente modificata, facendo scomparire il criterio della gravità, cioè della mortalità che la malattia può provocare. La nuova influenza può colpire più persone, pare, ma provoca meno morti di qualunque altra influenza trascorsa.

La mortalità, ossia il numero di persone morte rispetto ai casi segnalati, registrata finora nei paesi dove l’A/H1N1 è circolato ampiamente è dello 0,3 per cento in Europa e dello 0,4 per cento negli Usa. In realtà potrebbe essere ancora inferiore.

Perché generalmente i casi con sintomi lievi sfuggono alla sorveglianza (e quindi i contagiati possono essere molti di più), e alcuni decessi possono essere dovuti ad altre cause e non al virus (anche se ad esso viene data a esso la responsabilità). Non deve meravigliare: purtroppo si può morire, e si muore, di influenza, se si soffre di una patologia cronica, di una malformazione organica, di una malattia immunitaria, o se si è anziani.

Le cifre variano in base alla fonte dei dati. Per esempio in Gran Bretagna sono stati registrati 30 morti su centomila casi e negli Usa solo 302 su un milione di casi. Nell’inverno australe (che coincide con l’estate in Italia) in Argentina sono morte circa 350 persone, in Cile 128 e in Nuova Zelanda 16. Quasi alla fine dell’inverno australe, sinora nel mondo intero si sono avuti 2.501 decessi. Per fare un paragone, si calcola che in Spagna, durante un inverno “normale” i decessi per influenza stagionale sono circa 1.500-3.000.

La mortalità per influenza A riguarda prevalentemente persone di età minore di 65 anni, in quanto i soggetti di età superiore sembrano avere un certo grado di protezione, a seguito di epidemie passate dovute a virus simili.

Il 90 per cento dei decessi per influenza stagionale riguarda persone sopra i 65 anni di età, l’influenza A colpisce invece prevalentemente persone di età inferiore (solo il 10 per cento dei casi mortali si colloca nella fascia di età sopra i 65 anni). Ma, in numero assoluto, l’influenza A provoca pochi decessi tra i giovani; negli Usa ogni anno muoiono per influenza stagionale circa 3.600 persone sotto i 65 anni, mentre finora ne sono morte 324 nella stessa fascia di età per influenza A. In Australia ogni anno per l’influenza stagionale muoiono circa 310 persone sotto i di 65 anni; a inverno ormai terminato, ne sono morte 132 per influenza A, di cui circa 119 sotto i 65 anni.

Perché allora il panico?

Quanto successo nei Paesi dell’Emisfero australe ci rassicura: l’influenza A semplicemente arriva a colpire (leggermente) molte persone. Eppure i mezzi di informazione hanno creato il panico. È un tipico esempio di “invenzione delle malattie” (disease mongering).

Non si tratta della prima volta. Nel 2005 l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) aveva previsto fino a sette milioni di morti per l’influenza aviaria. Alla fine i morti furono 262. Si trattò di un gravissimo errore prognostico? Secondo una delle maggiori banche di affari del mondo (JP Morgan) l’attuale vendita di farmaci anti-influenzali e di vaccini muoverebbe un giro di oltre 10 miliardi di dollari.

I medicinali funzionano?

Non esiste alcun trattamento preventivo: i farmaci antivirali, Oseltamivir (Tamiflu) e Zanamivir (Relenza), non prevengono la malattia e su individui già ammalati l’azione dimostrata di questi farmaci è di poter accorciare di mezza giornata la durata dei sintomi dell’influenza. Ne’ va dimenticato che gli antivirali possono causare effetti collaterali importanti. Il 18 per cento dei bambini in età scolare del Regno Unito, a cui è stato somministrato l’Oseltamivir contro l’A/H1N1, ha presentato sintomi neuropsichiatrici e il 40 per cento sintomi gastroenterici.

…E i vaccini?

I vaccini contro il nuovo virus A/H1N1 sono ancora in fase di sperimentazione. Nessuno è in grado di sapere se e quanto saranno effi caci e sicuri, ma vengono pubblicizzati, con gran clamore. Basta che il virus cambi (per mutazione, o per riassortimento con altri virus) per rendere inefficace il vaccino già messo a punto. Sulla sicurezza sia l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che l’Agenzia del farmaco europea (Emea) dichiarano necessaria un’attenta sorveglianza.

Alcuni vaccini sono allestiti con tecnologie nuove e saranno testati su poche centinaia di bambini e adulti volontari, e soltanto per pochi giorni. Il vaccino che meglio conosciamo, quello contro l’influenza stagionale, sappiamo che ha un’efficacia del 33 per cento tra bambini e adolescenti e che è assolutamente inutile nei minori di due anni. Esistono anche dubbi circa la sua efficacia negli adulti e negli anziani.

Non conosciamo la sicurezza del vaccino per l’influenza A, ma ricordiamo che nel 1976 negli Usa fu prodotto un vaccino simile, anche allora con una gran fretta per un pericolo di pandemia, e il risultato fu un’epidemia di reazioni avverse gravi (sindrome di Guillan-Barrè, una malattia neurologica), per cui la campagna di vaccinazione fu subito sospesa. La fretta non è mai utile, tanto più per fermare un’influenza come quella A, la cui mortalità è così bassa. Conviene non ripetere l’errore del 1976.

Un’altra motivazione a favore della vaccinazione è il cercare di ridurre la circolazione del virus A/H1N1 per diminuire le opportunità di ricombinazione con altri sottotipi. Ma attualmente non esistono strumenti o modelli teorici per prevedere una eventuale evoluzione pericolosa del virus. Sul piano teorico, proprio la vaccinazione di massa potrebbe indurre il virus a mutare in una forma più aggressiva.

Come curarsi?

Per curare l’influenza A occorrono: riposo, una buona idratazione, un’alimentazione adeguata,un’igiene corretta. Non si deve tossire davanti agli altri senza riparare naso e bocca; bisogna evitare di toccarsi il naso, la bocca, gli occhi, facili vie di accesso dei virus; occorre lavarsi le mani spesso e accuratamente con acqua e sapone. Non è dimostrato che l’uso di mascherine serva a limitare la propagazione dell’epidemia.

Se decidete comunque per la vaccinazione, vi verrà richiesto di firmare il «consenso informato », una informativa sui rischi. Leggetelo bene, prima di decidere, e chiedete informazioni scritte sui benefici e i rischi. Chiedete e chiediamo insieme, per tutti i vaccinati, che sia attivato un programma di sorveglianza attivo, capace davvero di registrare e trattare i gravi problemi di salute che possono presentarsi dopo la vaccinazione. Chiedete e chiediamo che si prevedano risorse economiche per l’indennizzo ai danneggiati. Chiediamo di non speculare sulla salute e sulla paura.

Dott. Eugenio Serravalle
specialista in Pediatriapreventiva, puericultura

21 ottobre 2009

Come creare presentazioni di foto (e video) per il tuo blog

Vuoi creare una presentazione di foto o un video da pubblicare sul tuo blog o sito ?
Il servizio Wiqet.com te lo permette di fare in modo facile e gratuito.

Per creare una presentazione di immagini completa di musica,
- Collegati al sito www.wiqet.com
- clicca su "Add Photo"
- clicca su "make Voice & Photo Wiqet "
- clicca su "Add photo +"
- clicca su "Agree" per accettare i termini di servizio (dopo averli letti !!)
- clicca su "Add photo +"
- naviga sulla cartella contentente le foto da presentare
- seleziona una o più foto.
L'interfaccia permette di selezionare più foto o immagini !
Ti consiglio quindi (prima di eseguire questa operazione) di preparare una cartella nel tuo PC dove copiare tutte le foto da presentare; in questo modo eseguirai l'operazione di "Add photo" una sola volta, risparmiando così molto tempo.

Dopo il caricamento, potrai modificare le foto una ad una, ridimensionandole e/o ruotandole.
Per lasciare la foto così com'è,
- clicca su "no editing".
Per ridimensionarla,
- porta il puntatore su uno dei quattro angoli e trascina verso il centro.
- clicca sul pulsante verde "Save" per confermare.

Se vuoi potrai poi aggiungere della musica di sottofondo o registrare direttamente dal microfono;
- clicca sul simbolo microfono per eseguire la registrazione
- clicca sul simbolo nota per caricare un file musicale (mp3)
- clicca su "browse" e da una cartella tuo PC fai dopio clic sul file desiderato.

- Clicca su "preview" per visualizzare l'anteprima della presentazione così creata.
- clicca sulla barra o sul quadratino posto in basso per terminare.
Se la cosa ti soddisfa,
- Clicca su Save.
Oppure potrai
- caricare altre immagini
- cambiare posizione di quelle esistenti, semplicemente trascinandole
- eliminare e caricare un altro file musicale.

Dopo aver salvato, avrai a disposizione un codice da copiare ed incollare sul tuo sito o blog.
Lo puoi notare in fondo alla pagina.
Inserisci la tua email e clicca su "Send" per ricevere il codice nella tua posta elettronica.

Il servizio permette anche di caricare e condividere video.
- Clicca su "make Video & Webcam Wiqet" per aprire l'interfaccia per il caricamento dei video.

Ecco un esempio di presentazione di foto completa di file musicale:

18 ottobre 2009

Come creare un cartello di pericolo ... e non solo !

Hai urgente bisogno di creare un cartello di
- PERICOLO
- ATTENZIONE
- AVVISO
- SICUREZZA
- o cartelli simili ?

- Collegati al link warningsigngenerator.com
- scegli il tipo di cartello cliccando sul pulsante di opzione posto sotto
- più in basso scegli il tipo di simbolo da inserire nel cartello
- scrivi il tuo messaggio, disposto in un massimo di 6 linee.
- clicca sul pulsante "Generate Warning Sign".

Il cartello viene generato.
- Salvalo nel tuo PC e stampalo o pubblicalo dove vuoi.
Non copiare il link, dell'immagine; non funziona e i termini di servizio non lo permettono !

Che problema c'è a essere ricchi?

Dipende da cosa si intende per essere ricchi: un benessere nel senso di una vita "buona", che non vada a scapito degli altri o dell'ambiente, sarebbe teoricamente possibile per tutti sulla Terra. Ma se pochi possiedono molto più di quello che dovrebbe essere a disposizione di tutti, allora diventa un problema.

Ben più della metà della popolazione mondiale è povera, la maggior parte è così povera da non potersi permettere di soddisfare molti bisogni elementari. Tra le altre cose non possono permettersi cibo, alloggio, istruzione, cure mediche, acqua potabile, ma neanche divertimenti, sicurezza o attività culturali. Poi esistono tante persone — che chiamiamo il "ceto medio" — che hanno da vivere, ma che non sono necessariamente milionarie. A questa classe appartiene la maggior parte della popolazione dei Paesi industrializzati, come per esempio l'autore di questo libro e presumibilmente quasi tutti i suoi lettori. E poi ci sono i ricchi e i super ricchi, cioè i milionari e i multimilionari e, in cima alla scala, i miliardari.

Il divario tra poveri e ricchi aumenta sempre di più: i 946 miliardari del mondo possiedono 3,5 bilioni di dollari (che significa 3,5 milioni di milioni), un terzo in più rispetto all'anno scorso. Gli abitanti dei venti Paesi più ricchi nel 1962 guada- gnavano cinquantaquattro volte il reddito degli abitanti dei venti Paesi più poveri, nel 2002 il reddito dei Paesi ricchi superava quello dei Paesi poveri di centoventuno volte.

La colpa è dei ricchi? Dovremmo essere contenti che ci siano almeno un paio di persone benestanti. In fin dei conti dicono che facciano girare l'economia, cosa che giova a tutti, perché un miliardario spende più soldi, che in definitiva filtrano fino alle classi sociali più basse. Quando per esempio una persona ricca costituisce un'azienda o compra grandi quantità di merce — merce che deve essere prodotta - crea posti di lavoro e assicura un reddito a molti altri.

Questa opinione è molto diffusa. Di solito ci si riferisce all'economista Adam Smith, che visse nel xviii secolo e che ha la fama di essere uno dei padri dell'economia del libero mercato. Oggi questo fenomeno si definisce effetto trickle-down (dall'inglese trickle = filtrare). Lo si potrebbe rappresentare con l'immagine di un pasto opulento dei ricchi, durante il quale cadono in terra un paio di briciole delle quali si nutrono i poveri. Ma noi vogliamo davvero accontentarci del fatto che una piccola minoranza possa mangiare pasti luculliani, mentre la maggioranza deve cavarsela con i resti?

Naturalmente si potrebbe obiettare: «Essere ricchi è un diritto dei ricchi. In fin dei conti si sono guadagnati i loro beni e non hanno tolto niente a nessuno». Ma è possibile entrare onestamente in possesso di patrimoni così immensi? In questo libro vedremo che gran parte del denaro dei super ricchi è stato guadagnato tutt'altro che onestamente. Spesso proviene da speculazioni finanziarie o da quote di aziende multinazionali che realizzano i loro utili sfruttando ambiente e manodopera.

Un singolo può intascare milioni solo quando tanti altri lavorano guadagnando molto poco. O se considera risorse naturali (come cibo o materie prime), di cui in realtà molte persone avrebbero bisogno, semplicemente come sua proprietà privata. Come ultima possibilità resta l'accumulare un capitale di dimensioni tali (per eredità o per mezzo di trucchi particolari) che si moltiplichi praticamente da solo. Nei mercati finanziari infatti si può guadagnare denaro con altro denaro, per esempio grazie a tassi d'interesse elevati o a speculazioni. È come un gioco nel quale colui che possiede di più detta le regole. E gli altri devono pagare.

La ricchezza non è alla portata di tutti, per quanto ci si possa impegnare. Vista la distribuzione dei beni della Terra, l'estrema ricchezza si basa sempre sulla povertà altrui. Il nostro pianeta infatti è un sistema a risorse limitate. Può produrre solo una quantità limitata di alimenti, energia e materie prime. Eppure ce ne sarebbe abbastanza per tutti: alcuni scienziati hanno calcolato che la nostra Terra potrebbe nutrire dodici miliardi di persone. In questo momento siamo sette miliardi scarsi. Entro il 2050 la popolazione aumenterà fino a nove miliardi, poi diminuirà un poco, secondo una stima dell' oNU. E anche per nove miliardi di persone ci sarebbero comunque viveri a sufficienza. Dovremmo solo avere più riguardi per l'ambiente. Non è la sovrappopolazione il problema maggiore, bensì il comportamento sprezzante dell'umanità nei confronti della natura e l'ingiusta ripartizione delle sue risorse.

Immaginiamoci di essere in dieci, rinchiusi in una casa nella quale ci sono viveri e tutte le altre cose necessarie per mantenere in vita venti persone. Il più forte dei dieci dice: «L'80% di tutti questi beni appartiene a me». Poi sceglie altre quattro persone perché si dividano quasi tutto il resto a un'unica condizione: che si schierino dalla sua parte quando gli altri cinque si ribelleranno. Per loro infatti non rimane quasi nulla. Questa è pressappoco la situazione nella quale -oggi viviamo nel nostro mondo.

La maggior parte di noi qui in Europa — me compreso — fa parte di quei quattro che, nonostante non abbiano tanto come il primo, hanno pur sempre abbastanza. Noi costituiamo il ceto medio. Il più forte della casa rappresenta i ricchi, i grossi gruppi e i loro alleati politici sono coloro che fanno le regole. Gli altri, coloro per i quali non avanza quasi nulla, rappresentano la situazione della maggioranza della popolazione mondiale che vive in miseria in Africa, Asia, America Latina e sempre più anche nelle nostre immediate vicinanze.

Cosa perderebbero i quattro del "ceto medio" del nostro esempio — e cosa guadagnerebbero — se non si attenessero alle regole e insistessero affinché la ripartizione fosse equa?

[fonte: "Il libro che le multinazionali non ti farebbero mai leggere" di Klaus Werner-Lobo]
[fonte immagine]

17 ottobre 2009

Stampa quello che vuoi !

Ecco un semplice ed eccezionale servizio che ti permette di eliminare alcune parti di una pagina web che non vuoi stampare; e cosa ancor più fantastica: non devi installare nulla !

- collegati al link ThePrintliminator
Se usi Mozila Firefox,
- trascina il pulsante [Printliminator] sulla "Barra dei segnalibri"
se la "Barra dei segnalibri" non è visibile,
- clicca con il tasto destro sopra un punto vuoto della barra dei menu e dal menu a discesa spunta la relativa voce.

Se Usi Intenet Explorer,
- clicca con il tasto destro sopra il pulsante [Printliminator],
- scegli aggiungi a i preferiri e aggiungilo alla cartella "Barra Preferiti"
-se la "Barra Preferiti" non è visibile,
- clicca con il tasto destro sopra un punto vuoto della barra dei menu e dal menu a discesa spunta la relativa voce.

Nella " Barra Preferiti" o "Barra dei Segnalibri" hai ora una voce in più: Printliminator.

Ogniqualvolta vorrai stampare una pagina web,
- clicca sul comando Printliminator
Apparirà una tavolozza con quattro icone.

Per rimuovere tutti gli elementi grafici,
- clicca sulla prima icona "remove all graphics"
Per rimuovere una parte della pagina o una o più immagini,
- clicca semplicemente sopra le parti che vuoi eliminare
Per anullare l'ultima operazione di eliminazione,
- clicca sull'icona "undo last action"
Per stampare,
- clicca sull'icona "send to printer".

15 ottobre 2009

Aggiungere una firma automatica in ogni messaggio inviato con Gmail

Non sempre si ha il tempo per aggiungere una "firma" alla fine di una email, completa di riferimenti al proprio sito, profilo facebook, twitter, eccetera.
Spesso ci si limita a scrivere il proprio nome e qualche volta, nemmeno quello.
Ebbene, se usi Gmail puoi evitare questa noiosa operazione.

- loggati
- clicca sulla voce "Impostazioni" (in alto a destra)
- dalla scheda "Generali"
- clicca sulla casella "Firma"
- e compilala con i dati che vuoi far apparire nei messaggi in uscita
- completato, scorri la pagina fino in fondo e
- clicca sul pulsante "Salva modifiche"

D'ora in poi, ogni volta che aprirai un nuovo messaggio, in fondo apparirà la "firma" impostata.
Avrai comunque, sempre il pieno controllo del contenuto dell'email dalla quale potrai cancellare in ogni momento i dati inseriti con la firma automatica.

14 ottobre 2009

Un piacevole contatore di visite con le bandierine di tutti i paesi del mondo

Ti piacerebbe conoscere a colpo d'occhio numero e provenienza dei tuoi visitatori; ovvero da quanti e da quale paese stanno visitando il tuo blog o sito ?

Il servizio Flag Counter ti dà questa possibilità !

- Collegati al link http://flagcounter.com/
- dal primo menu a discesa scegli il numero di bandierine (equivalente ai paesi) da visualizzare
Se scegli "All" potranno essere visualizzate tutte le bandiere del mondo; unica condizione:
che almeno un visitatore per ogni paese visiti il tuo sito o blog !
- dal secondo menu, scegli su quante colonne dovranno essere disposte
- dal terzo menu, scegli se dare un titolo a questo gadget
Se scegli custom, potrai personalizzarlo digitandone il testo.
- scegli quindi la "cromatura" dai tre comandi di destra.

Più sotto vedrai un'anteprima costantemente aggiornata.

Per visualizzare le sigle dei paesi
- seleziona la casella di controllo "Show Country Codes"
Per visualizzare il totale dei visitatori,
- seleziona la casella di controllo "Show Pageview Count"

Al termine,
- clicca sul pulsante "Get your flag counter"
- seleziona, copia ed incolla il codice sul tuo sito o blog.

Ridurre il peso di un'immagine senza perdere qualità

RIOT è un semplice ma efficacissimo programma che ti permette di ridurre le immagini mantenendo un perfetto equilibrio tra peso e qualità.
Dal link luci.criosweb.ro/riot/download potrai scaricare l'ultima versione del programma.

Dopo averlo avviato,
- clicca su open e carica la foto da elaborare
- il programma ti propone subito l'immagine ottimizzata senza perdita di peso
- sopra l'immagine sinistra vedi le dimensioni in byte e Kb
- clicca su Save per salvare subito l'immagine ottimizzata
oppure
- trascina la maniglia della barra quality posta in basso per scegliere il peso.
L'anteprima viene visualizzata ad ogni scostamento, permettendoti di decidere fino a che punto ridurre il peso
- clicca sul comando "1:1" posto tra le due immagini per visualizzare l'immagine a grandezza naturale

Puoi inoltre ridurre le dimensioni dell'immagine,
- cliccando sul pulsante "Resize" posto in basso a destra (icona arancione)
Ed in seguito scegliendo le dimensioni in pixel o percentuali,
- clicca sulla casella Width o Height
- digita su tastiera le dimensioni che vuoi ottenere
- clicca su Ok per confermare
- clicca su Save per salvare l'immagine così modificata.

13 ottobre 2009

Dipingere e colorare disegni via web !

Ti piace colorare disegni in bianco e nero ?
- Vai sul sito www.acolore.com
- scegli una categoria con un clic (La Famiglia, Oroscopo, Culture, eccetera)
- scegli, se necessario, una delle sottocategorie proposte
- clicca sul disegno che vuoi colorare
- clicca sulla tavolozza colorata per scegliere il colore
- clicca sulla zona del disegno che vuoi dipingere con il colore appena attinto
- terminato, clicca sul pulsante "Salva" posto in basso.

Avrai poi la possibilità di.
- Stampare il disegno cliccando sul pulsante "Stampa"
- scaricarlo in formato png nel proprio PC, cliccando sul pulsante "ownload"
- inviarlo ai propri amici cliccando sul pulsante "Invia" ed inserendo la loro email
Infine, sotto al disegno viene fornito un codice per poter pubblicare il disegno colorato direttamente sul proprio sito web.

12 ottobre 2009

Il tempo, ai tempi del web 2.0

Hai bisogno di un'orologio da inserire nel tuo sito o blog ?
- collegati al link clockeasy.com
- clicca su Clock
- dai menu a discesa personalizza il "tuo" orologio
- clicca su "Generate"
Verrà visualizzata un'anteprima dell'orologio da inserire
- clicca su "Get code"
- comparirà una finestra pop-up con il codice da copiare ed incollare sul proprio blog o sito.

Dallo stesso sito clockeasy.com
- potrai ottenere con lo stesso metodo un contatore di tempo alla rovescia !
- clicca su "Countdown"
- scegli data, ora e minuti del futuro evento
- completa inserendo il nome dell'evento e altre informazioni utili
- clicca su "generate"
Verrà visualizzata un'anteprima del "conto alla rovescia" da inserire
- clicca su "Get code"
- comparirà un finestra pop-up con il codice da copiare ed incollare sul proprio blog o sito.

Sempre sul sito clockeasy.com trovi altri due elementi utili:
- Allarme o sveglia: imposta un'orario e al tempo prefissato scatterà un avviso acustico !
- Cronometro: fa partire un cronometro cliccando su "start" e lo ferma cliccando su stop !

11 ottobre 2009

Il denaro governa il mondo

Denaro significa potere. I miliardari e multimilionari non sarebbero ricchi come sono, se non avessero il potere e l'autorità che hanno. E quel potere se lo comprano con il denaro che possiedono già. È un gatto che si morde la coda: chi ha molti soldi li moltiplica con relativa facilità e chi è ricco ha più possibilità di proteggere i suoi beni. Gran parte dell'essere ricco consiste nell'accumulare ancora più proprietà o quantomeno nel badare a che non diminuiscano. Inoltre si tratta di salvaguardare i propri privilegi politicamente, influenzando i governi per i propri interessi.

Un tempo erano i re e i principi che consideravano interi Paesi come loro proprietà e disponevano delle loro sorti e di quelle dei loro sudditi. Oggi sono i miliardari. Il denaro governa il mondo.
Ma viviamo in nazioni democratiche, no?
Sì: i Paesi più ricchi del mondo, primi tra tutti gli Stati Uniti e gli Stati dell'Unione Europea, sono democrazie. Ma anche qui i partiti e i politici votati democraticamente hanno solo un potere limitato. È quasi impossibile per loro opporsi agli interessi dei proprietari di capitale. Perché?

È così difficile perché partiti e politici dipendono dai capi dell'economia e dai multimilionari. Necessitano di contributi per le campagne elettorali, hanno bisogno del sostegno dei media, i quali a loro volta dipendono dal denaro di ricchi investitori e gruppi internazionali, e per finire sono relativamente facili da ricattare, per esempio quando si tratta di creare o cancellare posti di lavoro.

Immaginiamoci che il governo di un Paese democratico - chiamiamolo Utopia — dica: «Vogliamo alzare l'imposta patrimoniale fino a sanare il mondo dalla povertà. Ogni multimilionario d'ora in poi dovrà consegnarci una grossa parte del suo patrimonio e noi la daremo a coloro che soffrono la fame su questa Terra». I multimilionari di Utopia probabilmente risponderebbero: «Aspettate un attimo! Chi vi dà il diritto di regalare i nostri milioni?». Forse minaccerebbero: «Se alzate le tasse danneggerete l'economia. Se l'economia funziona, stanno bene tutti. Se decidete di aumentare le tasse noi porteremo le nostre aziende e il nostro denaro in un altro Paese.

Così centinaia di migliaia di abitanti di Utopia perderanno il posto di lavoro e diventeranno poveri. È questo che volete?». E per timore gli abitanti di Utopia voterebbero un governo che non tolga troppo ai ricchi.

[fonte: "Il libro che le multinazionali non ti farebbero mai leggere" di Klaus Werner-Lobo]
[fonte immagine]

07 ottobre 2009

Come cambiare il salvaschermo del tuo cellulare

Vuoi cambiare e personalizzare il salvaschermo del tuo cellulare ?
1 - collegati al sito reddodo.com/it
2 - scorri le varie pagine alla ricerca del salvaschermo desiderato
3 - clicca sopra l'immagine scelta
4 - dal menu a discesa scegli la marca del tuo telefonino o scegli "generic"
5 - scegli il modello sul menu a discesa posto a fianco
6 - digita il testo che vuoi far apparire sul tuo salvaschermo
7 - clicca sul pulsante "ricarica anteprima"
8 - clicca con il tasto destro sopra l'immagine creata
9 - dal menu contestuale scegli "salva immagine con nome"
10 - salvala sul tuo PC
11- collega il tuo telefonino al PC e copiaci l'immagine scaricata.

Poi imposta il nuovo salvaschermo sul tuo cellulare.
Ad esempio per il mio Nokia ho fatto così:
- dal menu "impostazioni" > "display" > "screen saver"
- scelgo la voce "screen saver" > "immagine"
- navigo nella cartella dove ho copiato l'immagine salvaschermo
- e la seleziono.

Ed il gioco è fatto !

29 settembre 2009

Quando si ricorda solo il motivo musicale di una canzone ...

Quante volte ti sarà successo di ricordare solo le note musicale di una canzone !?
Come trovarla ?

Il sito www.melodycatcher.com può venirti in aiuto.

1 - collegati al link www.melodycatcher.com
2 - clicca con il mouse i tasti sul pianoforte virtuale
3 - clicca su play per riascoltare
4 - clicca su delete per cancellare l'ultima nota
5 - clicca su search per avviare la ricerca della canzone.
e ... buona fortuna :-)

28 settembre 2009

Gestire tornei online

Hai bisogno di una piattaforma online dove gestire tornei sportivi di:
- baseball
- biliardo
- bowling
- calcio
- fantacalcio
- freccette
- rugby
- tennis
- tennis da tavolo
- videogames
- volley
e tantissimi altri eventi ?

Collegati al link www.konkuri.com
e gestiscelo gratuitamente seguendo tutte le indicazioni ben spiegate nella visita guidata: www.konkuri.com/it/tour/create

Ecco come viene descritto dagli stessi autori del sito:
Konkuri é l'applicazione web ideale per gestire e pubblicare tornei. Con Konkuri puoi: creare il sito del torneo, impostare tornei all'italiana e a eliminazione diretta, inserire data e ora per ogni incontro, modificare risultati e classifiche, scrivere il blog del torneo, far commentare le partite e i post a visitatori e giocatori.

25 settembre 2009

Google maps fornisce informazioni sulle città

Vuoi conoscere informazioni su una determinata città o paese ?
1 - collegati al link maps.google.it
2 - digita la città interessata
3 - clicca sulla voce "altre informazioni" (posta a fianco del nome della città)

Se esitenti, verranno visualizzate:
- foto e video
- luoghi famosi del posto
- mappe correlate alla città
- persone che collaborano alla creazione delle mappe del luogo

24 settembre 2009

Motore di ricerca su Twitter, Digg, YouTube, Friendfeed e Technorati

Dal sito www.bigola.com
è possibile cercare e trovare i risultati riguardanti:

- Twitter
- Digg
- YouTube
- Friendfeed
- Technorati

1 - digita la parola chiave sulla casella di ricerca
2 - premi [INVIO]

3 - clicca su un logo posto sulla colonna destra, per filtrare i risultati.

23 settembre 2009

Come trovare Documenti pdf word e powerpoint con un clic

Sei alla ricerca di un documento in formato
- pdf
- word
- powerpoint ?

1 - collegati al motore di ricerca www.gdocu.it
2 - clicca sul pulsante di opzione del documento da cercare

3 - digita la parola chiave
4 - e premi [INVIO]

Il sito gdocu si appoggia per le ricerche al più grande motore di ricerca: Google.
Gli stessi risultati infatti li puoi ottenere,
- collegandoti alla pagina di ricerca anvanzata di Google
- e scegliendo il tipo di documento dal menu a discesa "Formato file",

Ma cercare su www.gdocu.it è più semplice ... almeno per ora !

22 settembre 2009

Video Youtube senza pubblicità e distrazioni

A volte guardando un video su youtube.com veniamo distratti dalla pubblicità e dai video che fanno da contorno.

Per togliere pubblicità e distrazioni,
1 - da youtube, copia il link del video (che trovi sulla barra indirizzo o a destra sotto la voce URL)
2 - collegati al sito www.safeshare.tv
3 - incolla il link sulla casella bianca (Enter YouTube video link)
4 - clicca sul pulsante "Generate safe link"
Verrà creato un link collegato ad una pagina con il video YouTube scelto, scevro da ogni sorta di pubblicità e distrazione.

Se lo desideri, potrai subito condividerlo:
- clicca su Share
- e dal menu a discesa clicca sul social dove postarlo.

Altro strumenti utilissimo è il bookmarklet posto in fondo, da trascinare sulla barra dei preferiti.
Con questo strumento, dal sito Youtube, potrai con un click generare il link da condividere tramite Safeshare.

20 settembre 2009

Trova informazioni sugli artisti musicali con Imoosi

Imoosi.com è il motore per la ricerca di informazioni su artisti musicali.

Dopo aver
- digitato il nome dell'artista e premuto INVIO da tastiera,
vengono presentate in un'unica e semplice pagina tutte le informazioni, estratte da twitter, youtube, last-fm e gruvr:
- biografia (in inglese)
- immagini
- video
- date dei tour

Questo è il link per raggiungere: imoosi.com

16 settembre 2009

Creare un veloce fotomontaggio


Voui divertirti un po' con il fotomontaggio ?

1 - collegati al link http://www.photo505.com/
2 - scegli un'immagine tra i vari riquadri proposti e cliccaci sopra
3 - clicca sul pulsante "browse"
4 - dalla finestra "Upload file" vai nella cartella delle tue foto
5 - fai doppio clic sulla tua foto (meglio un primo piano)

Per salvare la foto elaborata,
1 - clicca con il tasto destro sopra l'immagine
2 - dal menu a discesa clicca sul la voce "Salva immagine con nome"
3 - scegli la cartella dove salvare l'immagine
4 - premi il tasto [INVIO]

Sono a disposizione inoltre i codici,
- per il tuo sito o blog (copia e incolla il codice sotto la voce "Hotlink for Websites")
- per il forum (copia e incolla il codice sotto la voce "Hotlink for forums")
- per il link diretto (copia e incolla il codice sotto la voce "Direct link to image")

02 settembre 2009

Copiare file o cartelle da PC a pendrive

Per trasferire file dal PC alla pendrive,
(per chi ha un sistema operativo Windows XP o Vista)
1 - inserisci la pendrive nel PC
Attendi la configurazione automatica
2 - clicca su Start > Risorse del Computer (o Computer)
3 - fai doppio clic sulla nuova voce che è apparsa (pendrive, disco rimovibile o simili)
Quello è lo "spazio" della pendrive !
4 - clicca su Start > Documenti
Viene aperta un'altra finestra.
Ora hai due finestre aperte sul desktop.
Una relativa ai documenti del tuo PC e una relativa alla pendrive.
5 - ridimensiona le finestre in maniere da vederle tutte due contemporaneamente.
6 - ora, trascina le cartelle e/o i file che desideri dalla finestra "documenti" alla finestra "pendrive".
I file e/o cartelle verranno copiate.

23 agosto 2009

Ridurre il peso di un'immagine senza alterare dimensioni e qualità

Se hai bisogno di ridurre il peso di un'immagine in termini di Kilobyte (massimo 500 Kb), preservando dimensioni e qualità,

1 - collegati al link
www.gracepointafterfive.com/punypng/
2 - clicca su "upload images"
3 - seleziona una o più immagini

(per selezionare più immagini, seleziona la prima immagine e poi premi il tasto MAIUSC+TASTOcursoreGIU)

4 - clicca su "Apri"


Attendi il caricamento e la conversione.
Ti verrà indicato peso e differenza di peso (anche in percentuale) dell'immagine convertita.

5a - al termine clicca su download e salvala sul tuo PC
5b - se hai scelto il caricamento di più immagini, clicca sull'ultimo pulsante "download"

Scaricherai in un unico file zippato tutte le immagini convertite.
Le immagine convertite sono in formato PNG

05 agosto 2009

Convertire in mp3 video youtube (o parti di esso) con Dirpy.com

Vuoi estrarre un file audio o parte di esso da un video di Youtube.com , in formato mp3?
1 - collegati al sito www.dirpy.com
2 - digita nella casella centrale una o più parole chiave
Ad esempio: supertramp (un famoso gruppo musicale degli anni 80)
3 - clicca sul video desiderato

Per scaricare tutto il file audio,
4 - clicca sul pulsante "Download" senza variare nulla !
5 - attendi la conversione al termine della quale si aprirà la finestra del download
6 - procedi a salvare cliccando su "salva" il file audio convertito

Per scaricare parte del file audio,
4a - avvia il video e fermalo nel punto in cui inizia la traccia audio da estrarre
5a - clicca sulla voce "Import" sotto la casella "Start"
6a - riavvia il video e fermalo nel punto dove finisce la traccia audio da estrarre
7a - clicca sulla voce "Import" sotto la casella "End"
8a - attendi la conversione al termine della quale si aprirà la finestra del download
9a - procedi a salvare cliccando su "salva" la traccia audio convertita.

In alternativa,
se stai visualizzando un video direttamente sul sito youtube e vuoi convertirlo in mp3,
1 - copia il link posto a destra del video sotto la voce URL
2 - apri www.dirpy.com
3 - incolla il link copiato nella casella centrale
4 - premi il tasto ENTER
Segui quindi la procedura descritta sopra.

Dirpy.com offre inoltre la possibilità di scaricare il video in formato mp4 o flv, in alta o bassa qualità;
- sarà sufficiente cliccare sui relativi link posti sotto la voce Video Options.

15 luglio 2009

Wanted Papy Gally !

Vuoi creare un post stile Wanted (ricercato) come in figura ?
1 - Collegati al link www.tuxpi.com/effect/wanted
2 - clicca sul pulsante "Sfoglia" posto in basso
3 - scegli la cartella dal tuo PC e fai doppio clic sull'immagine da caricare

Per facilitare la ricerca delle immagini dal tuo PC,
- clicca sul comando "Visualizza" e scegli la voce "Anteprima"

4 - clicca sul pulsante "Upload Now"
Il ritratto è stato creato.
5 - personalizzalo modificando le caselle "Customize Caption" e "Line2"
6 - clicca sul pulsante "Update" per aggiornare le modifiche
7 - clicca sulla voce "Download This image"
8 - e clicca su [INVIO] per scaricare l'immagine sul tuo PC.

14 luglio 2009

Crea il tuo giornale personale e condividilo

È appena nato un servizio utilissimo dove è possibile creare una pagina web con le notizie dei giornali e/o dei blog scelti da te.

Il sito è ancora in fase sperimentale, ma io l'ho provato e tutto sembra funzionare perfettamente.

Vediamo subito di cosa si tratta e come funziona.

1 - Collegati al link http://thynews.com/
2 - nella casella di ricerca digita una parola chiave (ad esempio: blogdazero) e premi [INVIO]
Verranno visualizzati i risultati della ricerca.
3a - clicca su "Add to page" in corrispondenza del link desiderato
oppure
3b - clicca su "Preview" per vedere l'anteprima ed in seguito clicca su "Add To page"
Un elenco degli articoli, verrà inserito sulla colonna sinistra.

Per aggiungere altri elenchi,
1 - digita una parola chiave sulla casella di ricerca (ad esempio "la repubblica") e premi [INVIO]
2 - clicca su Add to page in corrispondenza del link desiderato.
Anche questo elenco degli articoli verrà inserito nella colonna di sinistra e quello precedente verrà spostato più in basso.

Prosegui, ed aggiungi altri elenchi con lo stesso sistema scegliendo altre testate giornalistiche e/o altri blog.

Puoi spostare gli elenchi da una colonna all'altra,
1a - per comodità, clicca prima sul triangolino posto a destra della voce "Edit" per ogni elenco
1b - clicca anche sul triangolino posto a destra della casella di ricerca (Search)
In questo modo gli elenchi verranno compressi e sarà più semplice spostarli.

2 - ora, porta il puntatore sopra il titolo di un elenco e trascinalo dove vuoi !
3 - ri-clicca sul triangolino posto a sinistra della voce "Edit" per ri-espandere gli articoli.

Per rimuovere un elenco,
- clicca sulla crocetta posta in corrispondenza al titolo
- e clicca su OK per confermare.

Per leggere un'anteprima dell'articolo,
- clicca sul pulsante "+" posto a sinistra del titolo dell'articolo.
- ri-clicca il pulsante "+" per nascondere l'anteprima.

Per condividere la notizia attraverso i vari socialnetwork,
- clicca sul titolo dell'articolo
Verrà aperta la pagina con una barra orizzontale posta in alto,
- clicca sull'icona del social con il quale vuoi condividere la news
- loggati e segui la procedura guidata.

Oppure potrai aprire l'articolo senza nessuna barra,
- cliccando sul link posto sotto l'articolo, dove viene indicato "l'età" della notizia !

Per salvare la pagina personalizzata con tutti i siti e blog,
1 - clicca sull voce "Sig Up / Login" posta in alto a destra
2a - scegli il social del quale possiede già un account
2b - clicca su "More providers" per sceglierne altri !
3 - loggati con i dati dell'account scelto e conferma la tua scelta cliccando sull'apposito pulsante ("Alow" per twitter - "Share and continue" per Yahoo - "Consenti" per Google - eccetera)

La tua pagina personale è stata creata.
Potrai raggiungerla tramite il link posto in alto a sinistra e sarà del tipo thynews.com/idnr

Per personalizzare il link,
- clicca sulla voce "Account" posta in alto a destra
- cancella i caratteri nella casella (idnr)
- e digita una parola o il tuo nick o quello che vuoi !
- premi il pulsante "Save"
- se il nome viene accettato, clicca su "Close" per chiudere (altrimenti scegline un altro).
Ora in alto a sinistra vedrai il nuovo link del "tuo giornale".
Se vuoi potrai pubblicizzarlo nel tuo blog e/o farlo conoscere via email ai tuoi conoscenti.
Questo è il mio giornale: thynews.com/pcdazero

09 luglio 2009

Come condividere velocemente, immagini, video, documenti, audio e sondaggi ... con twitter

Per chi ama il socialnetwork twitter,
twi.tt è una fantastica piattaforma dove è possibile caricare sul web immagini, video, documenti, audio, perfino creare dei sondaggi e condividerli subito su twitter.

Il caricamento dei file è molto intuitivo e semplice.
1a - Collegati a twi.tt
1b - clicca su "Sign in" (in alto a destra) e loggati con il tuo account twitter (oppure clicca sul pulsante "Allow", se si presenta!)
2 - scegli il tipo di file da caricare: Immagine (Picture) Video, Documento, Audio
1a - oppure scegli di creare un sondaggio (Poll)
3 - clicca su "scegli file"
4 - fai doppio clic sul file da caricare
5 - sulla casella "Enter your message:" digita il messaggio da postare su twitter
6 - clicca su "Upload & Post"
Oppure se vuoi caricare il file senza postare il messaggio su twitter,
prima di cliccare sul pulsante "Upload & Post"
6a - clicca su "more options" e spunta la casella "Do not post on twitter.com ".

Per creare un sondaggio,
1 - clicca sulla voce "Poll"
2 - inserisci la domanda sotto la voce "Poll Question:"
3 - digita le possibili risposte nelle caselle sottostanti
Ovvero cancella la scritta "New Answer" e digita la risposta.
4 - clicca sull'icona "+" per aggiugere altre risposte.

5 - clicca su "more options" e spunta la casella "Block repeat voters"
In questo modo ogni utente non potrà votare più di una volta.
6 - clicca su "Create & post" per creare ed inviare il sondaggio sul tuo account twitter.

P.S.: Nel momento in cui scrivo ci sono alcune funzioni disabilitate (video) perchè il servizio è ancora in fase di sperimentazione.

08 luglio 2009

Crea il tuo banner con bannerfans.com

Per creare il tuo banner,
1 - collegati al link www.bannerfans.com
Ti viene subito proposto il classico banner con dimensioni 728x90 pixel
2 - dalla scheda Layout in basso a sinistra,
3 - scegli dal menu a discesa le dimensioni del banner
4 - clicca sul pulsante "Update my banner" posto più in basso al centro
In questo modo vedrai l'anteprima in alto del tuo banner aggiornarsi.

Inizialmente vengono proposte 2 righe di testo.
5 - porta il puntatore sopra una riga del banner
Vedrai il puntatore trasformarsi in quattro freccette
6 - trascinala (ovvero clicca, tieni premuta e sposta il puntatore)
In questo modo puoi collocare in qualsiasi punto il testo del tuo banner

Per scegliere i colori e la sfumatura
7 - clicca sui quadratini colorati "First color" e "Second color"
8 - dalla tavolozza apertasi, clicca sul colore desiderato
9 - clicca quindi su un tipo di sfumatura (Horizontal o Vertical o Circle, ecc.)


10 - clicca su "Update my banner" per aggiornare l'anteprima

Passa ora alla scheda successiva.
11 - clicca su "Text & Fonts"
Da questa scheda potrai digitare le tue frasi personalizzate
12 - cancella il contenuto della "Line 1" (riga 1) e digita il "tuo" testo
13 - ripeti lo stesso procedimento per "Line 2"
Potrai inoltre aggiungere altre linee, digitando semplicemente il testo sulle successive righe (Line 3, Line 4, ecc.).


Per ogni riga puoi:

- modificare il font del carattere
14 - clicca sulla corrispettiva casella posta sotto la voce "Font face"
15 - scegli il genere di font dalle voci dei menu poste in alto (3D - Creative - Edgy - Fancy - ecc...)
16 - scegli il tipo di font cliccando sulla relativa scritta

- modificare le dimensioni del carattere
17 - clicca sulla relativa casella posta sotto la voce "Font size"
17a - clicca sul numero scelto
- modificare il colore
18 - clicca sulla relativa casella posta sotto la voce "Color"
18a - clicca sul colore desiderato
- modificare l'inclinazione del testo
19 - clicca sulla relativa casella posta sotto la voce "Color"
19a - clicca sull'inclinazione voluta

20 - clicca su "Update my banner" per aggiornare l'anteprima

Sulla scheda "Shadows & Effects" puoi impostare l'ombreggiatura per ogni riga.
21 - clicca su "Shadows & Effects" e scegli
22 - dove deve essere rivolta l'ombreggiatura (Shadow position)
23 - la sua lunghezza (Shadow offset)
24 - il colore (Shadow color)
eccetera.

25 - clicca su "Update my banner" per aggiornare l'anteprima

26 - dalla scheda "Border" scegli il tipo di bordo
27 - dalla scheda "Format" scegli il formato immagine del banner (ad esempio .JPG)

Per scaricare sul tuo PC il banner creato,
28 - clicca sul pulsnate "Download it!"
29 - clicca su OK e su Salva (dopo eventualmente di aver scelto la cartella i cui salvare il banner).

Per avere la possibilità di modificare in futuro i banner creati, senza ricominciare tutto dall'inizio,
30 - clicca su "Signup"
31 - ed esegui la registrazione gratuita.

32 - Salva il banner online cliccando sul pulsante "Save banner"
33 - nella casella "Save under a new name" digita un titolo da dare al banner (ad esempio "versione 1")
34 - completa digitando il codice di verifica
35 - clicca su "Save banner!".

Potrai quindi ritrovare i tuoi banner salvati;
36 - loggati cliccando su "Login" ed inserendo i tuoi dati di accesso
37 - clicca su "Banners" (in alto a destra)
38 - clicca sul logo da modificare
39 - clicca sul pulsante "Update banner"
40 - procedi alle modifiche da effettuare.

05 luglio 2009

L'autenticità

L'autenticità, come indica l'etimologia del termine, è essere se stessi, vivere la verità di se stessi; conoscersi e accettarsi.

Autenticità e sincerità sono intimamente collegate anche se, propriamente, non sono la stessa cosa. Se, per esempio, una persona crede di essere generosa e si descrive come tale, è sincera anche se è avara; le sue parole sono in accordo con ciò che lei pensa di se stessa, anche se ha un'opinione erronea di sé.

L'autenticità invece suppone una conoscenza vera di se stessi ed una presentazione di sé agli altri priva di finzione. Autentico è l'uomo che conosce e vive la verità di se stesso, non ha paura di essere chi è, accetta di coabitare con se stesso così com'è, ricco e povero, terso ed opaco, ordine e caos secondo che gli capita o gli conviene, con fedele incoerenza. L'autenticità è questo accordo interno, questa pace con la propria realtà.

Ciò non significa abdicare difronte all'opaco e al male che si hanno nell'animo e nella condotta; non significa rassegnarsi e rinunziare al loro disgusto. Rimane doveroso l'impegno di far arretrare i loro confini e di rendere sempre più tersa la propria vita.

L'autenticità è essere liberi dalla paura del giudizio degli altri, liberi quindi dal desiderio di fingere: non sentirne la necessità la voglia.

...

La persona che sceglie di essere autentica ha superato il desiderio di mentire; in pace con se stessa, non sente il bisogno di inserire veli o immagini tra la sua identità e il suo palesarsi, tra com'è e come vuol far vedere che è; si presenta, non si rappresenta; non vive sul palcoscenico né piccolo né grande. Il suo mondo non è quello della finzione e della recitazione dove è d'obbligo cambiare nome e faccia e vivere parole e gesti e panni presi a prestito. Vuole che i suoi rapporti con gli altri siano rapporti tra persone, non tra personaggi.
È una grande fortuna essere liberi dal bisogno di apparire diversi!

Perché, dopo tutto, recitare stanca; la verità è più economica; la verità è meglio perché, o prima o poi, s'impone rivelandoci o persone insincere o persone frustrate; o prima o poi non ce la facciamo più a negarla o ad occultarla; richiede troppi accorgimenti e troppo dispendiosi.

[Da "Dalle Parole al Dialogo" di Giuseppe Colombero]

03 luglio 2009

Come trovar casa

Stai cercando casa o un appartamento in vendita ?
1 - Collegati al link www.subito.it
2 - clicca sulla regione dove cercare casa (sulla cartina geografica o sull'elenco testuale)
3 - nella prima casella (vuota) digita il paese o la città dove desideri trovare casa
4 - clicca sull'elenco a discesa "Tutte le categorie"
5 - e scegli "Appartamenti" o "Ville singole o a schiera"

Appariranno altri menu dove potrai impostare:
6 - il prezzo minimo e massimo
7 - il numero di stanze minime e massime
8 - i metri quadrati minimi e massimi


Eseguite queste scelte (opzionali)
9 - clicca sul pulsante cerca

Verranno forniti i risultati della tua ricerca.
10 - Scorri la pagina e individua gli annunci che ti potrebbero interessare
11 - clicca sull'annuncio desiderato
oppure raggiunto il fondo pagina clicca su "Successiva" per visualizzarne altri

Visualizzato l'annuncio a piena pagina,
potrai contattare direttamente chi ha inserito l'annuncio (l'inserzionista)
12 - clicca sulla voce "Contatta l'inserzionista" e compila il form
oppure
13 - prendi nota del numero telefonico.

Su sito www.subito.it
potrai inoltre trovare:
- auto, moto e altri veicoli;
- terreni, uffici, case vacanze;
- moltissimi articoli usati;
- lavoro.

Per migliorare la ricerca ti consiglio di leggere questa guida:
www2.subito.it/aiuto.htm

Dal sito www.subito.it avrai inoltre la possibilità tu stesso di inserire annunci gratuiti dove poter vendere le tue proprietà.

fonte immagine www.bigfoto.com

01 luglio 2009

Un'inebriante finestra sul nostro futuro ...

Oggi sono incappato in questo video ... e mi ha veramente entusiasmato.
Non ho ancora letto tutto il contenuto del libro presentato (Moltitudine Inarrestabile), ma dalle premesse mi sembra una bellissima visione; o meglio, ... un'inebriante finestra sul nostro futuro ....



BLESSED UNREST (MOLTITUDINE INARRESTABILE)
(di Paul Hawken)
Come è nato il più grande movimento al mondo e perché nessuno se ne è accorto.

Nella mia visione noi siamo parte di un movimento
che è più grande, più profondo, e più esteso
di quanto noi stessi sappiamo, o siamo in grado di sapere.

Vola al di sotto e molto al di là
del radar dei media, è non violento,
è nato dalla società civile,
non ha bombe a grappolo,
eserciti od elicotteri,
non possiede un'ideologia centrale
a capo non c'è un vertebrato maschio.

Questo Movimento senza nome...
è il movimento più variegato
che il mondo abbia mai visto.

La stessa parola Movimento secondo me
è troppo ristretta per definirlo.

Nessuno ha dato inizio a questa visione del mondo,
nessuno ne è a capo, non c'è ortodossia,
è globale, senza classi, inappagabile ed instancabile.

Una Conoscenza Condivisa
sta sorgendo spontaneamente
da diversi settori economici,
culture, regioni, comunità.

Sta crescendo e si sta diffondendo
in tutto il mondo senza eccezioni.

Ha molte radici, ma quelle iniziali
provengono dalle culture indigene,
dai movimenti ambientalisti
e per la giustizia sociale.

Questi tre settori e le loro branche
si stanno intrecciando,
prendono forma e si estendono.

Non è più semplicemente una questione
di risorse, di pressioni od ingiustizie.

Questo è fondamentalmente un Movimento
per i Diritti Civili ed Umani,
è un Movimento Democratico.

Questo è il Mondo che verrà...

Quello che vedete qui è l'inizio della lista
di almeno 130.000 organizzazioni
che nel mondo lavorano
per la giustizia sociale ed ambientale.

Ed è una stima per difetto.
Potrebbero essere 250.000 gruppi,
forse 500.000.

Sono certo che leggendoli, la maggior parte di
questi nomi, non vi saranno familiari.

Neanche noi abbiamo idea
di quanto grande sia questo movimento.

Esso si basa sulle Affinità,
la Comunità, la Simbiosi.

E' Pachamama, è la Mamma, capite? E' la Terra
che risponde, che si sta svegliando.

Quelli che vedete elencati su questo schermo
sono i Vostri Simili, questo vi può dare un'idea
di quanto sia grande questo movimento.

Se avessi avviato questo video venerdì mattina
alle 9,quando è iniziata la conferenza
e lo avessi lasciato scorrere
tutto il venerdì, e tutta la notte,
tutto il sabato, e tutta la notte.
tutta la domenica,e tutta la notte
e tutto il lunedì,
ancora non avremmo visto tutti i nomi
di tutti i gruppi del mondo... che siamo Noi...

E' qualcosa di talmente nuovo
che non riusciamo a riconoscerlo,
perché siamo abituati
agli Eserciti ed ai Governi,
alla Guerra, alle Chiese
ed alle Religioni,
perché non c'è
un Presidente
per quello che stiamo facendo.

Quello che voi state creando
è completamente sconosciuto.

Questo Movimento è ovunque, senza un centro,
non ha un unico portavoce,

è in ogni Paese ed in ogni città del Pianeta,
è all'interno di ogni tribù,
in ogni razza, in ogni cultura
ed in ogni gruppo etnico al mondo.

Questa è la prima volta
che sul Pianeta Terra
sorge un movimento potente
e non ideologizzato.

Nel corso del ventesimo secolo,
le grandi ideologie sono state venerate
al pari delle religioni.

Hanno Dominato le nostre convinzioni
qui il video è stato accelerato così
non dovrete stare qui fino a lunedì notte...

Sono le Ideologie che hanno governato:
il Capitalismo, il Socialismo, il Comunismo...

Nelle parole di Ed Hunt: le ideologie
hanno fermato la Terra, blindandola.

Hanno combattuto per avere il Controllo delle
nostre menti, del nostro territorio,
e ciò non è stato piacevole.

Le Ideologie vi hanno raccontato
che la salvezza si trovava
nell'affermazione di un Solo Modello.

Ma noi sappiamo dove si trova
la Salvezza,
lo sappiamo in quanto biologi
e come organizzatori delle comunità,
lo sappiamo dall'ecologia.

La Salvezza si trova nella Diversità.

Questo Movimento è
la Risposta Immunitaria dell'Umanità,
per resistere e guarire
dalla Malattia della Politica,
dall'Economia Avvelenata
e dal Deterioramento degli Ecosistemi
causati dalle ideologie.

Tocca a Noi decidere come saremo,
chi saremo, questo è ciò che vuol dire ricostruire:
è la Capacità di Reazione che ha a che fare con le possibilità e le soluzioni.
e le Soluzioni.

l'Umanità sa cosa deve fare...


fonte: www.moltitudineinarrestabile.it

Post più popolari

Archivio dei post

- Clicca sulle frecce nere per espandere e leggere i titoli
- clicca sui titoli per leggere il post.