17 dicembre 2012

Povero non è chi possiede poco ma veramente povero è chi necessita infinitamente tanto

Povero non è chi possiede poco
ma veramente povero è chi necessita infinitamente tanto
... e desidera, desidera, e desidera sempre più!

Il Presidente dell'Uruguay Josè "Pepe" Mujica tocca i cuori con la sua semplice, inoppugnabile, coraggiosa verità.
E' l'uomo che governa il mercato o il mercato che governa l'uomo? Un discorso che passerà alla storia.
Pepe Mujica, noto come "il presidente più povero del mondo", ha attualmente 77 anni, vive nella sua casa modesta, devolve il 90% del suo stipendio in beneficenza. E' stato in carcere 14 anni come oppositore del regime.

Nel video puoi leggere la completa traduzione in italiano del discorso di Josè "Pepe" Mujica al G20 tenutosi in Brasile.

03 dicembre 2012

Una Rete libera e aperta per un mondo libero e aperto

Internet mette in contatto più di due miliardi di persone in tutto il mondo.

Alcuni governi hanno intenzione di approfittare di un incontro a porte chiuse che si terrà a dicembre per autorizzare la censura e regolamentare Internet in modo restrittivo.

Uniamo i nostri sforzi per mantenere una Rete libera e aperta.

Solo i governi hanno diritto di voto all'ITU. Tra questi governi ci sono anche quelli che non sono a favore di una Rete libera e aperta. Gli ingegneri, le aziende e le persone che costruiscono e utilizzano Internet non hanno diritto di voto.

"Il presupposto per un mondo libero e aperto che è la Rete sia libera e aperta. I governi non dovrebbero decidere del futuro di Internet da soli e a porte chiuse. I miliardi di persone in tutto il mondo che utilizzano Internet devono poter far sentire la propria voce."

Approfondimenti: Che cosa c'è in gioco? - Che cosa puoi fare?

02 dicembre 2012

Entriamo nella nostra dimensione interiore

  Il più grande bisogno della nostra vita non è il cibo, né lo sono il denaro, il successo, la posizione sociale, la sicurezza, il sesso o l'amore del partner. Molte persone hanno raggiunto questi traguardi e sono rimaste comunque insoddisfatte più di quanto non lo fossero all'inizio della loro avventura. Il nostro bisogno più profondo è infatti un segreto che viene svelato solo quando un individuo è disposto ad aprire la parte più nascosta del proprio sé. 

   Nell'ambito delle antiche tradizioni questa ricerca è paragonata a un tuffo nel mare in cerca della perla più preziosa, spiegando così in maniera poetica che occorre nuotare al largo, ben oltre le acque basse e tranquille, immergendosi senza paura e cercando fino a quando non si trova la perla di incomparabile valore.

   Tale perla è chiamata anche essenza, respiro di Dio, acqua di vita, nettare sacro, definizioni per tutto ciò che nella nostra epoca più prosaica e dominata dalla scienza viene semplicemente raggruppato nel termine trasformazione, cioè un cambiamento di forma radicale quanto quello del bruco che diventa farfalla. Dal nostro punto di vista significa tramutare paura, aggressività, dubbio, insicurezza, odio e vuoto interiore nei loro contrari. 

   Ma si può davvero ottenere un risultato del genere? L”unica cosa che sappiamo con assoluta certezza è che la fame segreta che tormenta la nostra anima non è legata a fattori esterni come i soldi, l'appagamento della propria ambizione e la tranquillità. È la persona interiore che vuole trovare il significato della propria esistenza, la fine di ogni tormento e le risposte agli enigmi rappresentati dall'amore e dalla morte, da Dio e dall'anima, dal bene e dal male.

   Vivere in maniera superficiale non ci consente di rispondere a tali interrogativi o di soddisfare le esigenze che ci spingono a porceli. Individuare le dimensioni nascoste nel nostro essere è l'unico modo di esaudire le nostre esigenze più profonde.

   In teoria da quando la scienza ha assunto un ruolo primario questa sete di conoscenza avrebbe dovuto svanire lentamente, e invece si è rafforzata. Non ci sono nuovi «fatti›› da scoprire circa gli aspetti meno evidenti della vita. Nessuno ha più bisogno di esaminare le TAC dei pazienti che vivono esperienze di premorte o di sottoporre a risonanza magnetica gli yogi intenti a meditare. Questo tipo di sperimentazione è ormai superato: siamo infatti certi che ovunque voglia andare la coscienza, il cervello umano la segue. 

   I nostri neuroni sono in grado di registrare le esperienze spirituali più elevate, anche se in un certo senso i nostri antenati comprendevano meglio di noi il mistero della vita.Viviamo nell'Era del Cervello Superiore, della corteccia cerebrale, che negli ultimi millenni è cresciuta e si è sviluppata a dismisura, mettendo in ombra il cervello inferiore, più antico e guidato dal'istinto.

   La corteccia viene spesso chiamata nuovo cervello; quello vecchio ha influenzato per milioni di anni il comportamento degli esseri umani, così come fa ancora oggi con la maggior parte degli esseri viventi. Anche se non sa leggere o creare nuove idee, il vecchio cervello ha il potere di percepire le emozioni e soprattutto di essere, e ha il merito di aver fatto intuire ai nostri avi la misteriosa presenza racchiusa in ogni aspetto della Natura. Di tale presenza, che si trova in ogni minuscola particella della creazione, è infusa anche la nostra quotidianità.

   Noi siamo come un libro pieno di segreti che aspetta di essere aperto, sebbene ciascuno di noi si veda sotto una luce completamente diversa: a seconda dei vari momenti, possiamo essere un lavoratore, un padre o una madre, un marito o una moglie, un cliente che si aggira in un centro commerciale in cerca di qualche novità da acquistare o uno spettatore che attende con ansia di assistere a una rappresentazione.

   Se viviamo la verità del nostro mondo reale, ogni segreto si rivela senza alcuno sforzo o conflitto. Si riduce tutto all'antica scelta tra la separazione e l'unità. Volete essere frammentati, in preda ai conflitti, lacerati tra le-forze eterne della luce e delle tenebre? O preferite lasciarvi alle spalle la separazione per acquisire la completezza? 

   Noi siamo creature che agiscono, pensano e provano emozioni: la spiritualità fonde queste tre caratteristiche in un'unica realtà. Il pensiero non domina le emozioni, che a loro volta non oppongono un'ostinata resistenza al cervello superiore: noi decidiamo infatti di agire quando riceviamo la piena approvazione sia del pensiero sia delle emozioni. 

   La realtà ideale è riconoscibile perché quando la viviamo sperimentiamo il flusso della vita senza ostacoli o resistenze. Nell'ambito di questo flusso incontriamo l°ispirazione, l'amore, la verità, la bellezza e la saggezza, che si presentano come aspetti naturali dell”esistenza. Questo tipo di realtà è puro spirito; l'aspetto esteriore della vita è solo una sorta di travestimento, una sequela di migliaia di maschere che ci impediscono di distinguere ciò che è reale. 

   Mille anni fa un'affermazione del genere sarebbe stata accolta senza problemi, dato che lo spirito veniva considerato da tutti come l°unica fonte di vita. Al giorno d°oggi guardiamo invece con occhi diversi il mistero dell'esistenza; figli orgogliosi della scienza e della ragione, siamo rimasti orfani della saggezza.

   Di conseguenza, questo libro deve lavorare su due fronti. Per prima cosa deve aiutarvi a comprendere che nelle dimensioni interiori della vita è veramente nascosto un mistero. Inoltre, deve riuscire a suscitare in voi la passione e l°impegno necessari per raggiungere tale obiettivo. Questo non è un progetto che possiamo rimandare fino al giorno in cui riteniamo di essere pronti: lo siamo infatti sin dal momento in cui dimentichiamo di continuare a chiederci chi siamo e per quale motivo ci troviamo qui. 

   Purtroppo, la maggior parte di noi preferisce evitare le numerose esperienze che potrebbero rendere possibile e concreta la trasformazione. Se tutti noi non rimanessimo aggrappati alla negazione, alla repressione e al dubbio, ogni singola esistenza umana potrebbe rappresentare una costante rivelazione.

   Dobbiamo quindi credere fermamente che vale sempre la pena di esplorare con passione e impegno la nostra esistenza. Sono necessarie migliaia di piccole decisioni per non entrare nella nostra dimensione interiore, ma basta un solo istante per aprire la porta. Io prendo alla lettera la frase del Nuovo Testamento: «Chiedete e vi sarà dato, bussate e vi sarà aperto››. È semplice: siamo in grado di svelare i segreti della vita non appena affermiamo in tutta sincerità Io devo sapere: non posso aspettare un solo istante di più. 

   Buddha seduto sotto l'albero Bodhi e Gesù che affronta il diavolo nel deserto sono simboli dello stesso dramma dell'anima che siamo destinati a rimettere in scena continuamente. Non dovete mai avere dubbi circa il fatto che siete l'essere umano più importante del mondo, perché al livello dell'anima voi siete il mondo. Non avete alcun bisogno di guadagnarvi il diritto di sapere. 

   Il pensiero e l'emozione che state per avere e provare, il gesto che siete sul punto di compiere possono dare l'avvio alla scoperta della più profonda saggezza spirituale, che scorre libera e pura come l'acqua di una fonte di montagna. 

   La nostra essenza interiore non può continuare a nascondersi all'infinito i segreti che le appartengono, in dipendentemente da quanto a lungo un simile comportamento le venga suggerito o imposto.

Dal libro "La dimensione interiore" di Deepak Chopra

20 novembre 2012

Il Sogno Italiano



Ecco Cosa Vedo presenta in esclusiva un divertente cartone animato, finalmente doppiato in italiano da Fauno Lami, che spiega in modo chiaro quali sono le vere cause dell'attuale crisi economica e svela come banche e multinazionali sono arrivate a creare il più grande imbroglio mai esistito ai nostri danni.

Il protagonista della storia è Italo, un cittadino come tanti: sereno, inconsapevole e bene integrato nella civiltà consumistica di oggi. Un bel giorno, la sua tranquilla routine viene interrotta. La dura realtà viene a bussargli alla porta di casa e gli presenta il conto: tasse e debiti talmente alti da non permettergli più di vivere. Tutto ciò che credeva sulla politica, sull'economia, sulle banche, sulla moneta, era sbagliato. Come forse anche quello che crediamo noi.

Se non ci decideremo presto ad aprire gli occhi, questo nostro bel sogno rischia di tramutarsi in incubo, come sta già accadendo in moltissimi paesi europei. I nostri capi di governo svenderanno il paese alle banche, privatizzando anche i servizi più essenziali ai cittadini. Per fermare questo meccanismo malato è necessario diffondere la consapevolezza di ciò che sta accadendo, svegliando le persone da questo fragile e ingannevole sogno.

Fonte: eccocosavedo.blogspot.it/2012/11/il-sogno-italiano.html

25 ottobre 2012

Una comunità di 50 mila miliardi di cellule

Ogni persona è una comunità di 50 mila miliardi di cellule.
I loro atomi sono dei tornadi in miniatura, ed è per questa loro energia che non riusciamo ad attraversarli, non per la loro massa inesistente! Praticamente siamo delle onde di energia.

La matematica frattale, la fisica quantistica e l'elettrochimica sono i nuovi mattoni dove si appoggia l'odierna scienza.

La nostra percezione controlla il nostro comportamento.
Siamo noi a controllare i geni. Non sono i geni a controllare noi.
Quello in cui crediamo, controlla la nostra biologia.

Consapevolezza, ipnoterapia clinica e psicologia energetica, sono alcune strade per prendere coscienza della realtà.

L'universo è immateriale. L'universo è mentale e spirituale. Vivete e gioite.

Se queste frasi hanno destato in te curiosità, mettiti comodo/a e guardati questo illuminante video.

02 settembre 2012

La censura di fronte alla morte

Nel ricordo di Carlo Maria Martini, condivido un suo pensiero estratto da un suo libro trovato nella mia biblioteca:
"Sulle strade del Signore - Meditazioni per ogni giorno"

LA CENSURA DI FRONTE ALLA MORTE

E' stato giustamente notato come decisioni disperate quali quelle di procurare la morte a chi si vede preclusa la possibilità di una vita sana e "normale" maturino spesso sullo sfondo dell'isolamento in cui sono costretti anche i familiari nel compito di provvedere a tali persone.

La conseguenza più immediata che si usa trarre da un tale rilievo è quella della necessità di strutture sanitarie, e più in generale di strutture di socializzazione degli handicappati, degli anziani, dei malati gravi. E' indubbio che molto rimane da fare in tal senso. Ma non si può ignorare come molte di queste strutture già esistono eppure appaiono incapaci di rimediare alla solitudine e all'abbandono.
Consideriamo ad esempio la condizione di chi soffre di una malattia mortale ed è ricoverato in una corsia di ospedale. Egli è circondato di numerose persone: medici, infermieri, magari anche amici e parenti che fanno frequenti visite, prestano mille servizi, chiacchierano di mille cose futili. Ma purtroppo spesso non trova una persona che sia disposta a parlargli della cosa più importante, dell'unica cosa importante: egli sta morendo.

Non solo si trova persona disposta a parlare di questo - è così difficile parlare di questo! - ma neppure c'è persona disposta ad ascoltare si questo: il comportamento di tutti dimostra con troppa chiarezza al malato che di questo egli non ne può parlare, nessuno lo sopporterebbe, tutti considererebbero sconveniente un suo tentativo in tal senso.
Allora obbligatorio è l'interrogativo: non è questa rigorosa censura di fronte all'imminenza della morte, questo continuo fare "come se" l'uomo non morisse mai, non è tutto questo una radice profonda di ogni solitudine e abbandono?

La fuga difronte al pensiero della morte si prolunga nella fuga di fronte al pensiero della sofferenza: non solo di fronte al pensiero, ma anche e soprattutto di fronte alla presenza in carne ed ossa della sofferenza L'unica domanda che l'uomo d'oggi sa porsi a questo proposito è quello che riguarda il fare: come fare a togliere la sofferenza? come fare a guarire? come fare ad uscire da questo tempo "morto", senza valore e senza senso, insopportabile, che è il tempo della malattia?

29 giugno 2012

Mappe storiche con ricerca in stile Google Maps

Se stai cercando delle mappe storiche, uno dei migliori siti per trovarle è www.oldmapsonline.org.
Olds Maps Online, infatti è un veloce motore di ricerca che ti permette di trovare mappe storiche di tutto il mondo nei vari siti internet che le archiviano.

Oltre all'inserimento di parole chiavi nell'apposita casella posta in alto, la ricerca può essere fatta,
eseguendo lo zoom con la rotellina del mouse (o cliccando sul pulsante + posto in alto a sinistra) direttamente sulla mappa mondiale. In stile Google Maps!
Verranno così istantaneamente filtrate le mappe della zona zoomata, che potrai osservare nella colonna destra.
Inoltre potrai filtrare il periodo storico spostando le maniglie (destra e sinistra) poste appena sotto la casella di ricerca.

Dopo aver scelto gli opportuni filtri,
- scorri l'elenco delle mappe trovate, sulla colonna destra e clicca su quella desiderata.
Verrà così aperta la pagina del sito in cui si trova la mappa e sulla quale potrai approfondire le tue ricerche storiche o dissetare la tua curiosità storica geografica.

30 maggio 2012

Libera il tuo potenziale creativo

Ci fu un tempo in cui la terra era piatta, o meglio, questo è quello che si pensava.
La realtà era quella: la terra era piatta e si trovava al centro dell'universo.
Sopra c'era il cielo e sotto la terra.
Si nasceva, viveva e moriva con quel concetto.
Irreale era pensare diversamente.
Irreale, blasfemo e ridicolo immaginarsi sospesi nel vuoto sopra un piccolissimo pianeta sferico,
sperduti in un universo infinito senza centro. Senza un alto e un basso.
La rivoluzione Copernicana spostò il nostro geocentrismo verso il Sole e
ci condusse poi verso la comprensione dell'inesistente centro cosmico fisico.

Poi venne il turno della scoperta sull'origine della specie.
Partendo dall'organismo unicellulare, l'essere vivente
prese piano piano coscienza di sé e dell'universo esterno; con un "dentro" e un "fuori".
Si evolse quindi, in varie specie animali, il cui culmine (almeno per ora) è la persona umana.
Si scopre che l'uomo non è più il solo centro e... nemmeno l'apice della natura vivente.

Ora, in questa epoca, siamo chiamati a ri-vedere con occhi nuovi, la realtà che osserviamo quotidianamente.
La fisica quantistica, infatti è la nuova frontiera scientifica sulla quale svolgere il nostro sguardo.
I nostri pensieri sono partecipi attivi della creazione della realtà, e
la nostra mente fisica non è il solo centro nativo dei nostri pensieri!
Questa entusiasmante scoperta, se compresa e assimilata, ci slega dai (pre)concetti fossilizzati nella nostra mente e libera il nostro potenziale creativo.

A questo proposito vi propongo la visione di questo "illuminante" video.
Buona visione e... comprensione :-)

25 maggio 2012

Cosa succede se si esce dall'Euro!

Insieme a Claudio Borghi, economista docente dell'Università Cattolica di Milano, giornalista e ex managing director di Deutsche Bank, cerchiamo di capire se uscire dall'Euro per l'Italia sia fattibile e, nella pratica, cosa succederebbe. Tentiamo di spiegare in rete quello che la televisione non dice.

06 aprile 2012

Come copiare formato e larghezza colonne di un foglio Excel

Per copiare il formato di un foglio Excel,
1 - seleziona l'area interessata e clicca su copia formato (icona pennello)
2 - vai sul foglio da formattare e clicca sulla cella A1.

Per ottenere le colonne della stessa larghezza,
1 - riattiva il foglio originale
2 - seleziona l'area del foglio interessata
3 - clicca su "Copia" (CTRL + C)
4 - attiva il foglio da formattare
5 - clicca con il tasto destro sulla cella A1
6 - dal menu a discesa scegli "Incolla Speciale"
7 - dalla finestra apertasi scegli l'opzione "Larghezza colonne"
8 - clicca su OK.

Creerai così un foglio con uguale formato e colonne di uguale larghezza.

19 febbraio 2012

Creare un manga o avatar

Vuoi creare un avatar o manga  per il tuo profilo facebook, twitter o altro social network in modo veloce, senza installare nessun programma!?

1 - Collegati al link faceyourmanga.com
2 - se richiesto, registrati
3 - clicca sul tuo genere (maschile o femminile)
4 - scegli il colore della pelle (sotto il viso predefinito)
5 - scegli a destra l'arrotondamento o meno del viso
6 - dal menu di destra scegli i vari elementi che compongono il viso
Ears (orecchie), Eyes (occhi), Eyebrows (sopracciglia), ecc.
7 - per ogni elemento scegli colore e forma

8 - a destra del menu clicca sulle schede a forma di icona
9 - e quindi esegui le relative scelte per i sottomenu proposti

10 - clicca su "Save"
11 - compila i dati richiesti e clicca su "Save"

Ti verrà inviata una email
11 - aprila e clicca sul link indicato
12 - vai a fondo pagina e clicca su "Download avatar".
Potrai così scaricare l'immagine dell'avatar da te creato e pubblicarla sul tuo profilo facebook, twitter, blog, forum, sito web o altro social o pagina web.



Post più popolari

Archivio dei post

- Clicca sulle frecce nere per espandere e leggere i titoli
- clicca sui titoli per leggere il post.